Tendenza passeggera od opportunità strategica?

Le pareti verdi, “Green Walls”, sono un sistema di inverdimento verticale, brevettato dal botanico francese Patrick Blanc, e svolgono contemporaneamente le funzioni di coibentazione, di migliorare l’estetica degli edifici, di ridurre la Co2 presente nell’ambiente. Tuttavia, esse sono considerate un prodotto di nicchia, limitato ad installazioni di carattere pubblicitario ed espositivo e, perciò, lontane dalla grande distribuzione. Uno dei primi esempi di parete verde è il Caixa Forum di Madrid, realizzato dallo stesso Blanc utilizzando 15,000 piante di 250 specie diverse.

Le pareti verdi sono composte da moduli in materiale plastico rivestito da diversi tipi di piante. Oltre ad essere un elemento di alta moda, una parete verde è uno schermo per i raggi solari, funge da isolante termico, contribuisce al risparmio energetico e migliora l’estetica dell’edificio. Inoltre, contribuiscono a filtrare le polveri sottili e proteggono dal rumore le superficie su cui è riposta.

Questa è la vera innovazione: coniugare estetica e sostenibilità, due fattori critici di successo che costituiscono una leva importante nel business odierno. La presenza di pareti verdi può abbellire l’estetica di edifici con difetti o con alto impatto ambientale e – in un mondo dove c’è sempre più richiesta di “verde” pubblico – contribuire alla “naturalità diffusa”. Il problema principale dell’implementazione di questa tecnologia è dato dagli alti costi, che superano i 500 euro al metro quadro. Gli architetti, tuttavia, si ritengono ottimisti su una possibile riduzione di costi in futuro e sull’uso dilagante delle pareti verdi nel loro settore. Al momento, però, la domanda scarseggia: i clienti non sembrano conoscere a fondo questa tecnologia e solo raramente ne fanno richiesta. Per quale motivo si chiede l’installazione delle pareti verdi ad oggi? I dati sono chiari: la sostenibilità ambientale prevale rispetto alla bellezza e all’eleganza delle installazioni.

59

Ecologica e sociale

23

Estetica

13

Ambientale

5

Economica

Un mercato che può evolversi per il meglio se ci sarà una riduzione nel prezzo, al momento ingiustificato date le funzioni tecnico-estetiche limitate delle pareti verdi.

Analizzando le opinioni degli architetti, il 56% di loro reputa le pareti verdi un prodotto interessante e strategico per il loro lavoro, nonostante siano molti i professionisti a non conoscere ancora a sufficienza le pareti verdi; il 73% del campione, tuttavia, si dice assolutamente ottimista circa una futura maggiore competitività di questa tecnologia sul mercato.

59

Buon prodotto, interessante

38

Tecnologia primitiva, difficilmente realizzabile

6

Non sa, non sa giudicare

Le pareti verdi sono anche poco pubblicizzate (solo il 10% degli architetti afferma di conoscere campagne promozionali in merito) e diffuse soprattutto in Nord Europa, dove la cultura dell’ecosostenibilità è penetrata in modo diverso nella società. In Italia sono conosciute soltanto dal 38,5% della popolazione. Con un lavoro di informazione scrupolosa sui vantaggi delle pareti verdi e un miglior rapporto funzionalità/prezzo, questo strumento potrà diventare una best practice nel settore e contribuire a riqualificare e rendere più ecosostenibile il tessuto architettonico delle città italiane . E chissà che lo Stato non possa concedere incentivi all’istallazione di queste pareti, che sicuramente coniugano bene due degli obiettivi – sostenibilità ed estetica – molto cari alle pubbliche amministrazioni.”

I dati citati nel presente articolo provengono da analisi di mercato svolte da JEME Bocconi su campioni uniformemente distribuiti. La proprietà delle presenti informazioni appartiene dunque a JEME Bocconi

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt
0

Start typing and press Enter to search